#POSTPICCANTE: La viralità nei social è sconcia?

peperoncino-controindicazioni

Prendo spunto da un recente episodio personale per avviare con voi una riflessione sulla viralità nei social Network, argomento già trattato in passato.

Come ricorderete (senz’altro!) tempo fa individuai nella regola aurea Gatti-Meteo-Tette-Culi la formula (non certa, ma probabile) per la viralità, cosa che confermo anche oggi; ma forse, è arrivato il momento di aggiungere un altro elemento, ossia la sconcezza.

Da tempo curo esclusivamente sul mio profilo personale di Facebook (collegato a Twitter) una rubrica particolare, il POST PICCANTE DELLA SERA, nata per commentare articoli o immagini curiose prese nel mare magnum della rete e avente per argomento, più o meno esplicito, cose, persone o situazioni legate alla sessualità.

L’artista Pricasso, protagonista di un vecchio Post Piccante, noto per dipingere…col pene!

Nessun tipo di pornografia o nudo evidente, in ossequio al buon gusto e al regolamento Facebook, ma allusioni a volte anche esplicite sì; quello che ho potuto notare, in tutti questi mesi, può essere riassunto in questo modo:

  • la rubrica è seguitissima e, complice l’hashtag sul titolo e la privacy pubblica, anche da persone che non ho nella lista dei contatti;
  • la rubrica ha una bassissima interazione media, perché molti dei lettori mi hanno confessato di vergognarsi a condividere o a mettere un semplice like;
  • nonostante la mia produzione di contenuti sul web sia elevatissima (la qualità è opinabile, come con tutti quelli che scrivono e frequentano i social), quasi sempre vengo presentato a persone che non mi conoscono come “quello del Post Piccante”.

Uno dei post più di successo che abbia condiviso riguarda un torneo di un gioco della tradizione abruzzese, lo “sticchio“; il motivo, se siete siciliani, lo comprenderete da subito ma se non lo siete sappiate che da noi, con tale termine “colorito”, viene indicato l’organo genitale femminile. Immaginatevi la fila per partecipare ad un torneo del genere!

torneo sticchio

In versione standard o flash, il POST PICCANTE è diventato comunque un brand con il quale vengo associato, nel bene e nel male ovviamente; il motivo del suo successo è quasi sicuramente ascrivibile alla sconcezza degli argomenti, ai doppi sensi e alle allusioni che ancora, per fortuna (e se non si esagera) tanto ci fanno divertire sia dal vivo sia in digitale sui social.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...