[DIETA] Dieci segnali per capire che state dimagrendo

dieta

Eh sì, lo ammetto: sono anch’io “diversamente snello”.

Non me ne vanto, ma neppure ne faccio un dramma. Non ho nessuna malattia o disfunzione, a parte le solite “ossa grosse” per intenderci…semplicemente, mi piace la buona tavola e non mi piace troppo fare sport.

A differenza di moltissimi giovani e meno giovani amanti di improvvisazioni alimentari o seguaci delle mode del momento, io ho una buona esperienza alle spalle legata a dietologi, nutrizionisti, esami svolti ecc ecc e posso dire che, se fatta bene, una dieta funziona.

In particolare, ho individuato 10 segnali che dimostrano il funzionamento della dieta, senza ovviamente ricorrere alle pesate ossessivo-compulsive, tipo quelle pre e post evacuata ad esempio. Per esperienza personale anzi, consiglio le pesate al massimo due volte al mese, o se proprio non potete farne a meno ogni sabato mattina, sempre e solo post-deiezione.

Ma veniamo a questi benedetti 10 segnali di buon funzionamento:

1) Vi alzate da tavola con la fame. Intendiamoci, le verdure e la frutta vi saziano, ma non vi fanno di certo passare la “fame” in senso godereccio. Anzi, per dirla come in un famoso spot, la vostra “non è proprio fame, è più voglia di qualcosa di buono”. Lo so io di cosa avete voglia: avete voglia di unto, fritto, zuccheroso. In una parola, di cibo “porcoso”. Fatevela passare.

2) Uscite di meno, e quasi mai a colazione/pranzo/cena fuori. E’ inutile, le tentazioni per chi abita in certe parti d’Italia sono sempre dietro l’angolo. Io, che scrivo dalla Sicilia, vengo investito ogni 30 secondi da profumi di rosticceria, pasticceria, take away ecc ecc provenienti da bar, panifici e tavole calde. Una via Crucis della panza. In più, per motivi di lavoro, spesso si incontrano moltissime persone in un bar o al ristorante. E capisci così meglio il contrappasso dantesco. P.S: c’è un risvolto positivo da sta situazione: spendete di meno, il che non guasta mai.

 3) Siete meno allegri. Purtroppo è un dato di fatto: il buon cibo, soprattutto se condiviso, porta gioia e allegria. Ma se il tuo amico o peggio il tuo partner ordina una capricciosa con una porchetta sopra, restando uno stecchino ignobile, e tu la margherita senza olio e con poca mozzarella, ti sale la bestia. Non c’è proprio un cacchio da ridere.

4) Guadagnate buchi della cintura. Il primo un po’ lo rubi: stringi fin quasi a soffocare ma finalmente puoi dirlo, “ho un buco di cintura guadagnato”. Pian piano invece lo sforzo per chiudere i pantaloni si fa meno stressante e non ci pensi più. Dopo 10 giorni riprovi a guadagnarne un altro, soffochi di nuovo ma ce la fai. Insomma, un traguardo per ottenere più buchi, il che per una volta non è una cosa sconcia da dire.

5) (Conseguente del 4) i vestiti ti stanno più comodi. Hai l’armadio non diviso a stagioni, ma a taglie. Da una parte le cose di quando eri soltanto un po’ sovrappeso, dall’altra quelle di quando influenzavi la forza di gravità terrestre. Nel mezzo, il limbo delle taglie di transizione. Ogni capo, spesso dal dubbio, gusto, segna un traguardo: “hai visto, adesso mi entra!”, oppure “questo mi sta comodissimo ora!”. Piccoli obbiettivi che ti aiutano ad andare avanti.

6) Fate la pipi trasparente. La prima volta mi sono preoccupato, poi la volevo imbottigliare, ma state tranquilli, la pipì chiara è indice di un’ottima idratazione e che i reni funzionano benissimo. Grazie al caxxo, pensi tu, non mangio nulla! Ed è vero, ma è anche colpa dell’aumentata dose di frutta e verdura, ricche di acqua. Un segnale che il tuo corpo ti sta ringraziando. Il tuo spirito invece è nerissimo (punto 3).

7) Dormite meglio. Dopo esserti scofanato l’impossibile di sera, la notte (se hai superato i 30 e i 100…) diventava ottimo periodo per riflettere sulla vita e creare nuovi progetti. Per fare di tutto insomma, tranne che per dormire. Pesantezza, acidità, sofferenze varie. E se arrivi ad addormentarti russi peggio di un trattore. Adesso invece vai sì a letto sostanzialmente insoddisfatto, ma almeno dormi come un tranquillo ghiro. Ci può stare, dai.

8) Fare le scale non vi trasforma più in Dart Fener. Io penso che il rapporto con lo sport non può avere sfumature: o si ama o si odia. In generale io lo odio, ogni tanto lo faccio per dovere e non certo per piacere. Però a malincuore ve lo devo consigliare, naturalmente senza esagerare. Dimagrendo poi, vi accorgerete che una rampa di scale, che prima provocava ansimi da “signore oscuro” di Guerre Stellari, adesso va via più liscia. A meno che non siate fumatori, in quel caso smettete, subito, perché tra fumatore accanito e grasso resta con più capacità polmonare il grasso (esperimento empirico fatto con una magrissima fumatrice dal sottoscritto).

9) (Per gli uomini) Tornate a rivedervi il pipino. Sono momenti emozionanti: dagli stimoli tattili riattivate anche il senso più importante, la vista. Neppure ve lo ricordavate come era fatto, l’attrezzo lì sotto. La panza ne oscurava la presenza, tanto da dubitare della sua esistenza in certe occasioni. E invece esiste, e adesso potete prendere la mira in bagno attivando anche i radar ottici.

10) Il vostro partner non lo ammetterà mai, ma vi troverà più attraente. Ve ne accorgerete da piccoli segnali: ad esempio non vi manderà più a cercare un pezzo di lavoro ad ogni tentativo di approccio sessuale, o ad incrementare la vostra produttività se avete la fortuna di averne uno. Improvvisamente vi abbraccerà più spesso e, udite udite, non farà più finta di non conoscervi in pubblico. Un piccolo passo per uno a dieta, un grande passo per l’umanità.

BUONA DIETA A TUTTI E…NON MOLLATE!


One thought on “[DIETA] Dieci segnali per capire che state dimagrendo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...